giovedì 9 giugno 2016

Lola nascerà a diciott'anni di Carla Maria Russo

anno: 2009
edizione: Piemme

Seconda guerra mondiale, Milano, fra stragi e bombardamenti nasce l'amore immaturo e travolgente tra la benestante Mara Bonfanti e il giovane operaio Mario Canevari.

A causa della differenza di rango, l'amore è contrastato dalla madre di Mara che sogna per la figlia un miglior partito e allora Mara e Mario attuano di scappare insieme sperando poi nell'accettazione della madre.

Così non sarà e Mara si ritroverà a sposare un uomo molto più vecchio di lei, il generale Pepe e a dover abbandonare la figlia nata dalla sua relazione con Mario.

Quando il generale Pepe verrà trovato morto Mara si dichiarerà colpevole dell'assasinio. 
Finale troppo scontato? E già, infatti questo è l'inizio del libro...

Sarà proprio diciott'anni dopo che Lola, la figlia di Mara e Mario riceverà una lettera anonima e avrà la possibilità di scoprire tutto del suo passato, conoscere sua madre e risolvere il mistero che si cela dietro all'assasionio del generale Pepe.

Un libro davvero interessante già nel metodo di scrittura. Nei vari capitoli si alternano i vari protagonisti di questa storia, ognuno riportando il proprio punto di vista e la propria parte di racconto. Questo metodo mette in continua discussione chi abbia ragione o torto, chi sia il colpevole e chi la vittima e ci permette di conoscere nell'intimo ogni personaggio.
L'ambientazione del romanzo è descritta con molta accuratezza, il profondo clima di paura e di incertezza che la guerra è palpabile.

Un romanzo meraviglioso, emozionante, avvincente, un giallo romantico.

Un cuore nel Sole